Caldo torrido? Ecco 15 consigli per utilizzare al meglio il condizionatore

Quando esplode l’estate e le temperature impennano, il condizionatore ci salva la vita. Come sfruttare correttamente questo nostro prezioso alleato?

Con il caldo torrido, l’afa e in particolari circostanze e luoghi, la presenza del condizionatore diventa imprescindibile. Quasi il 40% degli italiani possiede un condizionatore, così come il 90% degli uffici pubblici. Ma bisogna saperlo utilizzare con quelle giuste precauzioni che ci consentono di mantenere un buon compromesso tra rendimento e benessere. Un uso sbagliato del condizionatore, infatti, può causare un doppio spreco: di soldi pagati in bolletta, a causa degli elevati consumi energetici; e di salute, dal momento in cui l’aria troppo fredda negli ambienti, durante il periodo estivo, può essere spesso causa di bronchiti, tosse, asma e perfino obesità.

Ecco le 15 regole per ottimizzare al massimo l’utilizzo del vostro condizionatore

  1. Scegliete condizionatori di classe energetica non inferiore alla A. Il loro prezzo è un po’ più elevato, ma la spesa viene rapidamente ammortizzata grazie a un calo dei consumi in bolletta, riduzione che si aggira attorno al 30%;
  2. Provate gli apparecchi dotati di tecnologia inverter: adeguano la potenza all’effettiva necessità, riducendo i cicli di accensione e spegnimento;
  3. Ogni stanza ha bisogno del suo climatizzatore: non pensate che un solo condizionatore potente, magari in corridoio, possa rinfrescare tutta la casa, perché l’unico risultato sarà quello di prendersi un colpo di freddo ogni volta che si passa da quelle parti per andare da una stanza all’altra;
  4. Gli apparecchi devono essere collocati in alto, visto che l’aria fredda tende a scendere; e mai dietro tende e divani, in quanto essi impedirebbero alla stessa aria fresca di propagarsi;
  5. Non esagerate con il freddo! La differenza di temperatura tra esterno e interno non deve mai superare i 6 gradi, perché l’eccessivo sbalzo potrebbe essere causa di fastidiosi problemi di salute;
  6. Controllate i filtri dell’impianto almeno una volta all’anno. Se sono sporchi, comporteranno un vistoso aumento di energia nonché di muffe e batteri;
  7. Coibentare i tubi del circuito refrigerante all’esterno dell’abitazione: se esposti direttamente al sole o alle intemperie, potrebbero danneggiarsi;
  8. Attenzione alle dispersioni di aria fredda! Se avete cura di abbassare tapparelle e persiane durante le ore calde, ci vorrà meno energia per raffreddare gli ambienti;
  9. Lasciate porte e finestre chiuse quando il condizionatore è acceso;
  10. Alternate l’utilizzo del condizionatore con un ventilatore da soffitto a pale;
  11. Durante le ore notturne, limitate al minimo il tempo di accensione dell’apparecchio e utilizzate la funzione “notte”: dormire nell’aria condizionata  può causare tosse e bronchite;
  12. Evitate di tenere acceso il condizionatore nelle stanze in cui non passate la maggior parte del vostro tempo;
  13. Sfruttate la funzione di “deumidificazione” presente in molti condizionatori di nuova generazione: abbassando la percentuale di umidità, infatti, la stanza si rinfresca in modo naturale e con un consumo minimo di energia;
  14. Evitate di usare elettrodomestici che producono calore, come lavastoviglie e lavatrice, nelle ore più calde del giorno;
  15. Se avvertite che il continuo utilizzo dell’apparecchio vi genera qualche fastidio, utilizzate la vecchia tecnica delle correnti d’aria tra una stanza e l’altra, semplicemente aprendo una porta e una finestra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *